3 Trucchi per riconoscere la tonalità di un brano

Per riconoscere la tonalità di un brano serve conoscere le scale e, quindi, le tonalità, se non sai di cosa stiamo parlando è importante che tu prima legga questo articolo. Molto brevemente, le tonalità musicali sono dei campi armonici attraverso i quali si costruisce una composizione.

Vediamo adesso come riconoscere la tonalità di un brano.

Le alterazioni in chiave

Come abbiamo visto nell’articolo sulle scale musicali, sappiamo che ogni tonalità ha delle alterazioni. Le alterazioni sono segnate nell’armatura di chiave ovvero all’inizio del rigo, subito dopo la chiave.

Il primo passo da fare è quindi risalire alla scala dalle alterazioni in chiave. Faccio un esempio: Se abbiamo un brano dove non è segnata alcuna alterazione dopo la chiave basterà chiederci “quale scala non ha in chiave alterazioni?” la risposta è DO maggiore e, come dicevamo prima, anche la relativa minore LA. Adesso ti chiederai “ e se non mi ricordo che scala ha quelle alterazioni?” lo so, memorizzare tutte le scale è difficile, ma ti svelo un segreto, esiste un trucco (o meglio due) per trovare la tonica della scala partendo dalle alterazioni in chiave.

Trovare la tonica avendo i diesis

Se in chiave abbiamo i diesis ci basterà prende l’ultima alterazione in chiave verso destra e alzarla di un semitono per trovare la tonica della scala.

Esempio:

tonalità con i diesis

Trovare la tonica avendo i bemolle

Se in chiave abbiamo, invece, i bemolle la storia è perfino più semplice. Basterà guardare la penultima alterazione in chiave per individuare la tonica.

tonalità con i bemolle

Maggiore o minore?

Adesso che abbiamo capito come trovare la tonica dalle alterazioni in chiave abbiamo ristretto il campo a due possibili tonalità del brano: la scala che abbiamo trovato e la relativa minore.

Ritornando all’esempio di prima, se in chiave non abbiamo nessuna alterazione sappiamo che ci troviamo o in DO maggiore o in LA minore. Adesso dobbiamo capire come scegliere una di queste due scale come vincitrice. Esistono due metodi: il primo consiste nel guardare l’ultima nota del brano, spesso infatti le composizioni terminano con la tonica.

Quindi se abbiamo un pezzo che in chiave non ha alterazioni la sua ultima nota è DO possiamo scartare LA minore come candidata, il brano sarà in DO maggiore.

Ultimo metodo per capire se ci troviamo nella tonalità maggiore o minore è quello di controllare abbastanza velocemente se nelle prime battute è presente il settimo grado alterato. Se, nelle prima battute di un brano senza alterazioni in chiave, troviamo un SOL diesis, saremo nella tonalità di LA minore. (Come abbiamo visto nell’articolo sulle tonalità sappiamo che la scale scale minori hanno il settimo grado alterato).

Tre passaggi per riconoscere la tonalità di un brano

Ricapitoliamo velocemente i passaggi da fare per capire in che tonalità è scritto un brano:

  1. Guardare le alterazioni in chiave e risalire alla scala
  2. Guardare l’ultima nota del pezzo
  3. Cercare nelle prime battute alterazioni che possano suggerirci una tonalità minore

Quali altri argomenti vorresti approfondire? Scrivicelo nei commenti!

Informazioni sull'autore

2 commenti su “3 Trucchi per riconoscere la tonalità di un brano”

  1. Ciao Sara,
    complimenti per le pillole musicali che ci regali e spiegate nel modo più semplice.
    Mi piacerebbe approfondire l’ argomento delle scale MODALI, E IL CIRCOLO DELLE QUINTE..
    GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su