Accordo

L’accordo è la sovrapposizione di tre o più suoni.
L’accordo viene costruito su un suono di partenza detto “fondamentale”, gli altri suoni saranno sempre in relazione a questa nota di partenza.
ESEMPIO: L’accordo di DO maggiore è formato da una terza maggiore, ovvero Mi e una quinta giusta, ovvero Sol. Come vedi, i due suoni Mi e Sol sono calcolati partendo dal suono fondamentale Do.

Un accordo può essere disposto in due modi:

  • A parti strette, quando tutti i suoni si trovano all’interno di un’ottava
accordo parti stretti
  • A parti late, quando i suoni dell’accordo non sono compresi all’interno di un’unica ottava
accordo parti late

Come abbiamo detto gli accordi possono contenere tre o più suoni, a seconda del numero di suoni troveremo le seguenti categorie:

  • 3 voci – Triadi
  • 4 voci – Accordi di settima
  • 5 voci – Accordi di nona
  • 6 voci – Accordi di undicesima
  • 7 voci – Accordi di tredicesima

Ricorda, però, che non sempre quattro suoni corrispondono per forza a un accordo di settima, esistono varie eccezioni. La tecnica migliore, per capire di che accordo stiamo parlando è quella di contare la distanza di ogni singola nota rispetto alla fondamentale.
Se vuoi approfondire l’argomento, questo articolo ti spiega i vari tipi di accordi e come suonarli al pianoforte.

Torna su